I buchi neri sono più vicini di quanto possiamo pensare, ce ne sono 3 nell’Ammasso delle Iadi

Scritto da Maria Luisa Congiu, 17 Settembre 2023 - Tempo di lettura: 2 minuti

Recenti scoperte astronomiche stanno svelando un affascinante segreto del nostro universo, i buchi neri potrebbero essere molto più vicini di quanto ci aspettassimo

Gli occhi puntati su un’area ben conosciuta del firmamento, l’ammasso delle Iadi, situato a soli 159 anni luce dal nostro sistema solare, hanno rivelato la possibile presenza di ben tre buchi neri. Questo straordinario ritrovamento è stato pubblicato in un articolo sulla rinomata rivista scientifica “Monthly Notice of the Royal Astronomical Society“.

I buchi neri sono più vicini di quanto possiamo pensare, ce ne sono 3 nell'Ammasso delle Iadi

Utilizzando sofisticate tecniche di modellazione e simulazione, un team di astronomi ha esaminato attentamente l’evoluzione e la distribuzione delle stelle all’interno dell’ammasso delle Iadi. Ciò ha portato alla sorprendente conclusione che la presenza di questi buchi neri è responsabile della posizione di alcune stelle in questo ammasso. I buchi neri, con il loro campo gravitazionale incredibilmente intenso, imprigionano la luce e lasciano un’impronta indelebile nel tessuto dello spazio cosmico.

Le Iadi, un ammasso aperto di circa 200 stelle, si trovano nella costellazione del Toro e sono notevoli per essere composte principalmente da giovani stelle nate dalla stessa nube di gas e polvere circa 600 milioni di anni fa. Queste stelle sono facilmente riconoscibili grazie alla vicinanza alla gigante rossa Aldebaran, rendendole un punto di riferimento celeste per gli osservatori terrestri.

L’Agenzia spaziale europea (ESA) ha reso possibile questa scoperta grazie al satellite Gaia, lanciato nel 2013. Gaia ha fornito informazioni dettagliate sulla posizione e la velocità delle stelle all’interno delle Iadi, che sono state poi utilizzate per alimentare simulazioni complesse eseguite su supercomputer. Questi dati, combinati con informazioni su fattori quali l’età delle stelle, la loro composizione chimica e la fase della loro vita, hanno portato i ricercatori a speculare sull’esistenza dei buchi neri all’interno o in prossimità delle Iadi, influenzando così la configurazione attuale della mappa cosmica di questo ammasso stellare.

Ciò che rende ancora più affascinante questa scoperta è la prossimità di questi buchi neri al sistema solare. Finora, gli studiosi ritenevano che il buco nero più vicino alla Terra fosse a una distanza di 1600 anni luce e avesse una massa dieci volte superiore a quella del nostro Sole. Tuttavia, il buco nero, noto come Gaia BH1, è stato identificato nel 2022 grazie all’orbita di una stella compagna, rivelando la sua esistenza e la sua sorprendente vicinanza.

Nella Via Lattea si stima che esistano circa cento milioni di buchi neri di varie dimensioni e masse. Il più rilevante di questi è Sagittarius A, il buco nero supermassiccio che risiede al centro della nostra galassia, a una distanza di 26 mila anni luce dalla Terra. Lo studio di questi fenomeni cosmici è cruciale per ampliare la nostra comprensione della natura dello spazio, del tempo, della gravità e delle leggi fisiche fondamentali che governano l’universo.

Il nostro sistema solare continua a riservare incredibili sorprese astronomiche, dimostrando ancora una volta quanto poco sappiamo dell’universo che ci circonda. Le tre misteriose presenze dei buchi neri nell’ammasso delle Iadi rappresentano solo l’ultimo di una serie di enigmi da risolvere in questa avventura continua alla scoperta del cosmo.

Continua a leggere su ProgrammazioneTv.com


I Migliori Anni di Carlo Conti: Ospiti e Hit della Seconda Puntata