Scienziati creano un “modello completo di embrione umano” senza spermatozoi ed ovuli

Scritto da Eugenio Cataldi, 7 Settembre 2023 - Tempo di lettura: 3 minuti

Un team dell’Istituto Weizmann ha sviluppato un “modello di embrione” utilizzando cellule staminali che assomiglia notevolmente a un vero embrione umano di 14 giorni, anche riuscendo a rilasciare ormoni che hanno fatto risultare positivo un test di gravidanza in laboratorio.

L’obiettivo dei modelli di embrioni è quello di fornire un modo etico per comprendere i primi momenti della vita umana.

Le prime settimane dopo la fecondazione di uno spermatozoo da parte di un ovulo sono un periodo di cambiamenti drammatici, dalla formazione di una collezione di cellule indistinte a qualcosa che diventa riconoscibile in una ecografia fetale. Questo periodo cruciale è una delle principali cause di aborto spontaneo e difetti congeniti, ma è poco compreso.

Un modello di embrione umano derivato da cellule staminali mostra cellule blu (embrione), cellule gialle (sacco vitellino) e cellule rosa (placenta).

Un modello di embrione umano derivato da cellule staminali mostra cellule blu (embrione), cellule gialle (sacco vitellino) e cellule rosa (placenta).

La ricerca sugli embrioni è una questione legalmente, eticamente e tecnicamente complessa, ma ora esiste un campo in rapida evoluzione che cerca di mimare lo sviluppo naturale dell’embrione.

Questa ricerca, pubblicata sulla rivista Nature, è stata descritta dal team israeliano come il primo modello di embrione “completo” in grado di riprodurre tutte le principali strutture che emergono nei primi stadi dell’embrione umano.

“In effetti, si tratta di un’immagine praticamente identica a quella di un embrione umano di 14 giorni”, afferma il professor Jacob Hanna dell’Istituto Weizmann. “Questo non era mai stato fatto prima”.

Invece di utilizzare spermatozoi ed ovuli, il materiale di partenza erano cellule staminali naive, che sono state riprogrammate per acquisire il potenziale di diventare qualsiasi tipo di tessuto del corpo. Successivamente, sono state utilizzate sostanze chimiche per indurre queste cellule staminali a differenziarsi in quattro tipi di cellule presenti nei primi stadi dell’embrione umano:

  1. Cellule epiblastiche, che diventano l’embrione vero e proprio (o feto).
  2. Cellule trofoblastiche, che danno origine alla placenta.
  3. Cellule ipoblastiche, che formano il sacco vitellino di supporto.
  4. Cellule del mesoderma extraembrionale.

Un totale di 120 di queste cellule è stato mescolato in una precisa proporzione, dopodiché gli scienziati hanno osservato cosa sarebbe successo.

Circa l’1% del campione ha iniziato a organizzarsi spontaneamente in una struttura simile, ma non identica, a un embrione umano.

Questi modelli di embrioni sono stati consentiti di crescere e svilupparsi fino a diventare simili a un embrione di 14 giorni dopo la fecondazione, che in molti paesi rappresenta il limite legale per la ricerca sugli embrioni.

Il professor Robin Lovell-Badge, che studia lo sviluppo embrionale presso il Francis Crick Institute, ha dichiarato che questi modelli di embrioni “sembrano piuttosto buoni” e “sembrano piuttosto normali”. Tuttavia, ha sottolineato che il tasso attuale del 99% di insuccesso dovrebbe essere migliorato, poiché sarebbe difficile comprendere le cause di aborto spontaneo o infertilità se il modello non si formasse correttamente la maggior parte delle volte.

Inoltre, questa ricerca solleva la questione di se lo sviluppo degli embrioni potrebbe essere mimato oltre la fase dei 14 giorni. Questo non sarebbe illegale, nemmeno nel Regno Unito, poiché i modelli di embrioni sono legalmente distinti dagli embrioni veri e propri. Tuttavia, quanto più questi modelli si avvicinano a un vero embrione, tanto più sorgono questioni etiche. Nonostante non siano embrioni umani veri e propri, ma solo modelli di embrioni, sono molto simili a questi. Pertanto, sorge il dilemma di se regolamentarli allo stesso modo degli embrioni umani veri o se adottare un approccio più flessibile nella loro gestione.

Continua a leggere su ProgrammazioneTv.com


I Migliori Anni di Carlo Conti: Ospiti e Hit della Seconda Puntata