Ahsoka, l’ultimo Star Wars su Disney+ è un toccasana per i fan di lunga data, ecco la recensione

Scritto da Marcello Romano, 29 Agosto 2023 - Tempo di lettura: 5 minuti

Star Wars: Ahsoka è un’Esperienza Trascendente per i Fan di Lunga Data della saga

Circa una settimana fa, sono stati rilasciati in streaming i primi due episodi di “Ahsoka”, la nuova serie ambientata nell’universo di Star Wars, diventando la seconda release del 2023 dopo la terza stagione di “The Mandalorian”. Esamineremo ora le sue performance in termini di accessi e visualizzazioni, ponendo anche il confronto con altre produzioni.

Posta la disintegrazione dell’Impero, “Ahsoka” ci conduce attraverso le vicende successive dell’ex Jedi Ahsoka Tano mentre si immerge nelle indagini per svelare una minaccia in crescita che incombe sulla fragile galassia.

Con riferimento ai dati pubblicati recentemente, il primo episodio di “Star Wars: Ahsoka” ha attirato 1,2 milioni di spettatori negli Stati Uniti nei primi sei giorni dal debutto, mentre il secondo episodio ha registrato 956.000 spettatori statunitensi. Il numero di spettatori del primo episodio equivale a quello dell’episodio inaugurale di “Star Wars: Andor”, che aveva attratto l’attenzione di 1,2 milioni di spettatori nel settembre 2022.

Tuttavia, “Ahsoka” non ha raggiunto il record migliore nel panorama delle narrazioni di Star Wars su Disney+. Questo primato resta ancorato a “Obi-Wan Kenobi”, la cui prima uscita aveva catturato l’interesse di 2,4 milioni di spettatori, seguito immediatamente dalla terza stagione di “The Mandalorian”, con un pubblico di 1,7 milioni di utenti.

Secondo quanto confermato da Disney+, “Star Wars: Ahsoka” sarà composta da otto episodi. Si prevede che la serie abbia episodi leggermente più lunghi rispetto alla serie correlata “Star Wars: The Mandalorian”. Resta ora da scoprire la durata del terzo episodio di “Ahsoka”.

In una recente intervista a Collider sulla lunghezza degli episodi, Dave Filoni ha dichiarato: “Direi che è piuttosto relativa quando si fa questo tipo di lavoro. Una cosa su cui io e Jon Favreau siamo molto categorici è che cerchiamo di ridurre e smussare le cose per farle andare avanti. È sicuramente una regola più veloce e intensa di quella di George Lucas. I miei episodi iniziali sono piuttosto lunghi, perché li ho scritti tutti io, quindi sono un po’ diversi. Probabilmente, rispetto ad altre cose che ho scritto e fatto, come l’episodio “The Jedi”. Se deve essere diretto e veloce perché ho bisogno che l’azione funzioni, sarà più corto, ma direi che sono nella stessa gamma degli episodi di “The Mandalorian”… Forse in media un po’ più lunghi, ma onestamente non so a che punto siano ora, nelle versioni più recenti che ho consegnato, ma direi che sono nello stesso range.

I fan di lunga data hanno apprezzato la mini serie

Gli appassionati delle serie animate “Star Wars: The Clone Wars” e “Star Wars: Rebels” avranno senza dubbio la sensazione di essere redenti con l’arrivo dell’ultima aggiunta “Star Wars” su Disney+, “Ahsoka“. Ambientata nello stesso periodo temporale del terzo capitolo de “The Mandalorian”, questa nuova serie composta da otto episodi segue l’ex Cavaliere Jedi Ahsoka Tano (interpretata da Rosario Dawson). Dopo essere sopravvissuta alla purga dei Jedi e essere stata salvata dalle grinfie del suo ex maestro, Darth Vader (aka Anakin Skywalker), Ahsoka si trova in una missione per salvare la fragile Nuova Repubblica.

Con “The Mandalorian”, “The Book of Boba Fett” e il magnificamente oscuro “Andor” nel loro bagaglio, la LucasFilm ha raggiunto una perfetta armonia quando si tratta di produzioni “Star Wars” live-action. Non guasta il fatto che Dave Filoni, il creatore del personaggio Ahsoka insieme a George Lucas, abbia scritto tutti e otto gli episodi di “Ahsoka”, dirigendone due. Per i fan che conoscono ogni intricato aspetto dell’universo di “Star Wars”, “Ahsoka” è un caloroso ritorno a una narrativa ben conosciuta. Anche per i neofiti, la serie offre velocemente un riepilogo introduttivo per orientare i nuovi spettatori in questo particolare filo conduttore della storia complessiva.

Trama di Ahsoka

“Ahsoka” prende avvio in mezzo alla battaglia. Anche se precedentemente catturata e condannata a processo da Ahsoka stessa, Morgan Elsbeth (Diana Lee Inosanto), un tempo Magistrato di Calodan e simpatizzante imperialista, non ha alcuna intenzione di arrendersi alla Nuova Repubblica. Al contrario, ha messo in atto un piano a lungo termine che include la magia delle Sorelle della Notte. Con i mercenari Baylan Skoll (il compianto Ray Stevenson) e Shin Hati (Ivanna Sakhno) al suo fianco, Morgan sogna di liberare il suo maestro Thrawn (Lars Mikkelsen) dall’esilio e di dar vita a una nuova guerra.

Dall’altra parte, Ahsoka non è spinta dal potere quanto dall’obbligo. Quando Thrawn fu esiliato nello spazio iper, Ezra Bridger (Eman Esfandi), un Jedi in addestramento, si sacrificò e fu risucchiato attraverso la galassia. Poiché Ezra le aveva una volta salvato la vita, Ahsoka sente di dovergli un debito. Come Morgan, Ahsoka ha messo nel mirino la mappa stellare che conduce alla posizione di Ezra e Thrawn.

Sebbene nelle prime due puntate fornite ai critici vi siano abbondanza di spade laser, battaglie e astronavi, il cuore di “Ahsoka” risiede nei suoi personaggi. Dawson conferisce alla dettagliata e riflessiva figura umanoide di Ahsoka una presenza autorevole ma tormentata. Gli amanti della combattente Togruta gioiranno senza dubbio per il meticoloso lavoro dell’attrice nell’animare Ahsoka, dalla scelta delle parole al ritmo della sua espressione, fino ai movimenti precisi durante le battaglie. Questa serie rivela le sfumature della sua ricca e complessa storia, comprese le connessioni con Anakin e la sua vecchia apprendista Sabine Wren (Natasha Liu Bordizzo), che ha anch’essa una storia con Ezra.

“Ahsoka” non è così oscura come “The Mandalorian”, ma la profondità delle emozioni è intensa. Poiché la serie è ambientata nei primi anni della Nuova Repubblica, i pericoli della guerra e della perdita agiscono come pietra angolare di questo racconto; i personaggi sono mossi da ciò che è stato loro strappato. Mentre Ahsoka ha imparato a tenere le sue emozioni vicino al petto, la determinazione testarda di Sabine a procedere con imprudenza entra spesso in conflitto con il suo ex maestro. Le divergenti approcci di Ahsoka e Sabine al loro sforzo congiunto e la forte ma premurosa presenza della Generale Hera Syndulla (Mary Elizabeth Winstead) al centro del loro eterogeneo gruppo creano una perfetta sinergia. Il droide millenario Professor Huyang (David Tennant) e l’astromeccanico di Syndulla, Chopper, si uniscono anche all’avventura.

Sebbene il cuore di “Ahsoka” non sia molto diverso da ciò che è stato precedentemente visto in “Star Wars”, elementi unici rendono la serie unica. Non solo è il primo spettacolo in cui i non umani sono al centro dell’attenzione, ma il cast guidato da donne offre una potente e sorprendente rappresentazione visiva nata da un segmento relativamente di nicchia dell’universo. Con Filoni alla guida, una cinematografia nitida e una straordinaria colonna sonora di Kevin Kiner, lo spettacolo si inserisce senza soluzione di continuità nell’ampio universo di “Star Wars”.

Come “The Mandalorian“, “Ahsoka” spicca perché non teme di concentrarsi su una singola avventura serializzata, consentendo al pubblico di gustare i suoi molti dettagli squisiti. Hayden Christensen tornerà a interpretare il ruolo di Anakin Skywalker nella serie. Anche la scelta di Mikkelsen nel ruolo dell’ex ufficiale di alto rango dell’Impero Galattico, Thrawn, è altrettanto interessante. Mikkelsen aveva precedentemente doppiato il personaggio in “Rebels”.

Continua a leggere su ProgrammazioneTv.com


Anticipazioni Un Posto al Sole: Puntata del 27 e 28 maggio 2024 su Rai 3