Sly è più di un documentario, Sylvester Stallone che Colpisce ancora duro

Scritto da Maria Luisa Congiu, 17 Settembre 2023 - Tempo di lettura: 4 minuti

“Sly” è un affascinante documentario che getta uno sguardo retrospettivo sulla carriera straordinaria di Sylvester Stallone

All’interno del Toronto International Film Festival (TIFF), l’ultimo documentario diretto da Thom Zimny, intitolato “Sly,” non inizia con mezze misure. Anzi, il suo soggetto, Sylvester Stallone, lo fa in modo deciso. Rimpianti? “Maledizione, sì, ne ho!” sbraita Stallone di fronte alla telecamera.

Stallone, l’attore che ha tenuto il pubblico incollato allo schermo per quasi mezzo secolo con i suoi indimenticabili personaggi e le sue epiche saghe cinematografiche, da Rocky a Rambo, fino ad arrivare a I Mercenari. Questo film offre un’immersione profonda nella vita e nell’arte dell’attore candidato all’Oscar, mettendo in parallelo la sua ispirante storia di lotta e resilienza con i memorabili personaggi che ha portato alla vita sul grande schermo.

Questo ritratto cinematografico di Stallone giunge sulle nostre schermate nel 2023

Iil documentario è stato realizzato grazie agli sforzi congiunti di un team di produzione eccezionale, tra cui Sean Stuart, Bill Zanker, Sam Delcanto, Braden Aftergood, Jon Beyer, Tom Forman, Jenny Daly e persino Sylvester Stallone stesso in veste di produttore.

Non solo li ha, ma è pronto a raccontarteli tutti, cosa sono, da dove provengono, come lo motivano, quanto spesso ci pensa e cosa ha in mente di fare al riguardo. Fin dall’inizio, Stallone si mostra notevolmente aperto e meravigliosamente consapevole di sé, anche se, come spesso accade nei documentari incentrati sulle celebrità, la sua natura sincera è condita da alcune riserve.

Questo ritratto cinematografico di Stallone giunge sulle nostre schermate alcuni mesi dopo la distribuzione di una docuserie che ha raccontato la vita straordinaria di un altro grande nome di Hollywood, Arnold Schwarzenegger. Entrambi questi progetti offrono una prospettiva unica sulle vite e le carriere di due delle figure più iconiche del cinema d’azione.

Per i circa 90 minuti di durata di “Sly,” il documentario copre molta terra e dovrebbe accontentare sia gli appassionati di Stallone che coloro interessati a saperne di più sulla star iconica al di là di “Rocky” e “Rambo” (e, tranquilli, entrambi questi ruoli iconici hanno molto spazio). Tuttavia, Zimny struttura la narrazione in diverse fasi: inizialmente, il film sembra incentrato sul ritorno di Stallone alla East Coast, ma poi si lascia andare a segmenti sparsi in cui Stallone ascolta vecchie interviste e cerca di correggere il suo io precedente in tempo reale, per poi lasciare che la star ci guidi attraverso i momenti alti e bassi della sua carriera. Queste strutture narrative, alla fine, non portano a molto. Basta mettere la telecamera su Stallone e lasciarlo parlare, ha molto da dire. In realtà, ci sarebbe abbastanza materiale qui per un’intera miniserie, o almeno un docuserie in tre parti (un po’ come quella recentemente dedicata a uno dei competitori più famosi di Stallone, Arnold Schwarzenegger, su Netflix), perché c’è poco da dubitare che Stallone abbia molte storie da condividere. E sebbene Zimny e la sua equipe abbiano anche raccolto un affascinante gruppo di commentatori per completare queste storie, tra cui lo stesso Arnold, il fratello minore di Sly, Frank, il suo primo co-protagonista Henry Winkler, il collaboratore di lunga data John Herfzeld e il critico Wesley Morris, “Sly” è quel raro documentario che avrebbe beneficiato di ulteriori voci che si esprimessero sull’apparente enigma che è Sly.

Zimny segue Stallone attraverso i suoi primi anni – in un momento, l’attuale Stallone torna persino nel suo vecchio quartiere di Hell’s Kitchen, e le scene in cui passeggerà semplicemente e chiacchiera con gli increduli newyorchesi sono gioiose e divertenti – nel tentativo di spiegare come Stallone sia diventato, beh, Stallone. Gran parte di “Sly” è dedicata a cercare di distillare l’essenza e l’appeal della star, con la sua infanzia (i suoi genitori erano, come Stallone lo definisce delicatamente, “imprevedibili”) che si rivela un punto di riferimento fondamentale.

Mentre la complessa relazione di Stallone con suo padre Frank emerge come la chiave per forse tutta la vita e la carriera di Stallone, gran parte delle sue altre relazioni vengono appena accennate. La sua attuale moglie Jennifer appare nel documentario, così come le loro tre figlie, anche se non parlano (i fan desiderosi di saperne di più sulle donne nella vita di Stallone hanno almeno l’opzione di guardare la loro recente serie reality, “The Family Stallone,” per saperne di più). Le sue prime due mogli (tra cui la cattiva di “Rocky IV” Brigitte Nielsen) non vengono menzionate, così come il suo secondo figlio, Seargeoh. E mentre la tragica vita di suo figlio Sage diventa centrale nella seconda metà del documentario, gli spettatori che non sanno cosa sia successo a Sage (morto nel 2012) potrebbero non cogliere appieno il significato della sua storia.

Senza dubbio, Stallone aveva cose che non voleva condividere nel contesto di “Sly,” e se da un lato questo porta a una certa incompletezza del film, dall’altro rende le cose che condivide più risonanti. Si ha la sensazione che qualsiasi riflessione sui dolori e i piaceri della fama non scuoterebbe minimamente Stallone, principalmente perché è chiaro che ha passato decenni a riflettere su di essi (nella prima parte del documentario, Stallone ci parla del suo bisogno “insaziabile” dell’attenzione degli estranei, una rivelazione alla quale sembra essere giunto molto tempo fa).

E quando Stallone offre la sua opinione attuale sulla sua carriera – essere uno specialista nelle cose in cui sei bravo, perché nessuno vuole vedere un tipo come Stallone fare Shakespeare – cavolo se non ti trovi a pensare, “Maledizione, forse voglio davvero vedere questo tipo fare Shakespeare!” Gran parte del documentario si basa sul percorso di Stallone verso la celebrità, una vera e propria stella auto-costruita che ha iniziato a recitare perché lo amava, che ha iniziato a scrivere perché ne aveva bisogno e che è ancora sinceramente alle prese con il suo lascito. E sembra che la sua creatività non abbia fine.

Nel complesso, è Stallone che impressiona, come un’icona disarmante e consapevole di sé le cui lezioni più difficili hanno lasciato un segno su sé stesso. Come a Sly piace dire alle persone, “Continua a combattere!” E sebbene il film di Zimny potrebbe aver colpito un po’ più forte, quando atterra, è un vincitore.

Continua a leggere su ProgrammazioneTv.com


Anticipazioni Terra Amara Puntata di Oggi 21 Febbraio 2024