Ray

Quando fanno Ray: Informazioni, palinsesto e orari di programmazione di questa settimana per Ray. Scopri su che canale e se lo fanno stasera.

Ray

Le parole di Ray Charles a Taylor Hackford, il regista di “Ray,” risuonano come un’approvazione divina quando l’illustre genio ascoltò Jamie Foxx suonare il piano agli albori del progetto. Queste parole, “Questo ragazzo ce la può fare. È lui l’uomo giusto,” sintetizzano magistralmente ciò che rappresenta questo film biografico su uno degli artisti che ha dato forma alla black music e oltre.

“Ray” ci introduce nei colori vividi del profondo sud degli Stati Uniti, durante l’infanzia del giovane Ray Charles. In un’epoca in cui gli afroamericani venivano chiamati “coloured” negli anni ’40, la vita non è certo facile per loro. Per sfuggire alla povertà, la via d’uscita è emigrare verso le città alla ricerca di opportunità. Nonostante sia stato colpito da una malattia infantile che lo costringe a spostarsi in città, Ray si getta nell’avventura, guidato dal Gospel e dal Country. Gli anni passano e il successo inizia a crescere. Dalla sua prima casa discografica, dove sono nati i primi successi come “What I’d Say” e “I Got a Woman,” fino alla major ABC, Ray Charles conquista gli ascoltatori di tutto il mondo. Questa è la storia che tutti conosciamo, ma “Ray,” nella sua veste di biopic, svela soprattutto gli aspetti oscuri dell’uomo Ray Charles. La schiavitù della droga e le complesse relazioni con le donne della sua vita, sono cause di sconvolgimenti profondi, compresa una pausa dalla scena musicale.

Intrigante per gli appassionati e rischioso per i non iniziati, “Ray” affronta temi profondamente radicati nella cultura e nella storia di un paese che, in quel periodo, si trovava lontano dal nostro modo di vedere le cose. Il ritmo del film è cadenzato, come una melodia sincopata, e lo stile del regista è classico e descrittivo, ad eccezione della fotografia che risplende nei dettagli. Taylor Hackford dà voce al protagonista.

Tuttavia, è l’interpretazione di Jamie Foxx a fare la vera differenza e a rendere indimenticabile l’opera. Foxx, scelto per questo ruolo dopo la sua straordinaria performance in “Ogni Maledetta Domenica,” suona il piano come Ray fin dall’età di tre anni e da adolescente dirigeva un coro gospel. Sebbene non fosse esperto della musica di Ray Charles, l’attore ha frequentato lezioni di Braille, partecipato a sessioni di registrazione di soul e blues, e ha trascorso dodici ore al giorno bendato, per comprendere pienamente cosa significhi essere non vedente. “Non volevo solo imitarlo, ma catturare l’essenza del suo spirito, del suo modo di essere,” ha dichiarato Foxx.

Foxx diventa il cuore pulsante del film, sorprendendo per come riesce a sostenere un film di due ore e mezza praticamente da solo. Un’orchestra composta da un solo uomo. Un’anima sola. “Ray,” diretto da Taylor Hackford nel 2004, si presenta come il primo biopic sulla vita del leggendario cantante Ray Charles, che scomparve pochi mesi prima dell’uscita del film nelle sale americane. Grazie alla straordinaria interpretazione di Jamie Foxx nel ruolo di Ray Charles, il film ha ottenuto numerosi riconoscimenti, tra cui un Golden Globe, un BAFTA e un premio Oscar come miglior attore protagonista.

  • Genere: Musical
  • Anno: 2004
  • Durata: 2h 32m

Guarda il palinsesto completo delle ultime settimane e gli orari di programmazione dopo il prime time, quando è stato messo in onda per la prima o la seconda serata e le ultime notizie a riguardo.