La fiera della vanità

Quando fanno La fiera della vanità: Informazioni, palinsesto e orari di programmazione di questa settimana per La fiera della vanità. Scopri su che canale e se lo fanno stasera.

La fiera della vanità

“La Fiera della Vanità”, pellicola del 2004 diretta dalla talentuosa Mira Nair, è un viaggio affascinante nell’Inghilterra del 1802, tratto dall’omonimo romanzo di William Makepeace Thackeray. L’opera si presenta con maestria al 61° Festival del Cinema di Venezia, addentrando lo spettatore in una trama che riflette il desiderio di scalare la scala sociale, in un contesto dove la vanità e l’ambizione giocano un ruolo centrale.

La storia ruota attorno alla figura di Rebecca “Becky” Sharp, interpretata brillantemente da Reese Witherspoon. Becky, figlia di un pittore e una cantante d’opera francese, esce dal collegio insieme all’amica Amelia Sedley con un solo obiettivo: accaparrarsi un nobile benestante per garantirsi un futuro prospero. I suoi occhi si posano inizialmente su Joseph, fratello di Amelia, che ha fatto fortuna in India. Tuttavia, il destino si intreccia con George Osborne, fidanzato di Amelia, che avvisa Joseph dell’inadeguatezza sociale di Becky.

Becky diviene istitutrice nella casa di un nobile decaduto e si accolla ogni responsabilità, attirando l’attenzione di Rawdon, giovane ufficiale erede di una fortuna. I due si sposano segretamente, ma le aspettative crollano quando Rawdon viene escluso dal testamento di sua zia. Nel frattempo, Amelia sposa George e rimane incinta, ma l’ombra di George continua a oscurare il loro legame. L’arrivo delle guerre napoleoniche scuote il destino dei personaggi, portando cambiamenti imprevisti.

L’opera di Nair è una fedele rievocazione dell’epoca, offrendo uno sguardo accurato e dettagliato sull’Inghilterra del XIX secolo. Tuttavia, il film affronta sfide narrative: sebbene la fotografia, scenografia e costumi siano splendidi, la trama talvolta si perde tra panoramiche sontuose, rischiando di allontanarsi dai personaggi e dalle loro vicende. Il contributo di Reese Witherspoon, il cui ruolo è un ritratto affascinante di determinazione e astuzia, brilla nel contesto di un cast che dona vita a una visione di classe e ambizione.

Nair dipinge un ritratto caleidoscopico della società dell’epoca, ma nel corso del film l’intensità narrativa si affievolisce, lasciando spazio a una successione di eventi senza il necessario respiro. Nonostante questi alti e bassi, “La Fiera della Vanità” resta un’esplorazione visivamente suggestiva del desiderio, dell’ambizione e della complessità dei rapporti umani. Mira Nair, con un occhio attento per l’ambientazione e le performance, ci offre un’immersione nel passato, sebbene la sfida di condensare un romanzo epico nei limiti di un film possa risultare talvolta un po’ troppo ambiziosa.

  • Genere: Film Drammatico/Romantico
  • Anno: 2004
  • Durata: 2h 21m

Guarda il palinsesto completo delle ultime settimane e gli orari di programmazione dopo il prime time, quando è stato messo in onda per la prima o la seconda serata e le ultime notizie a riguardo.