Salvare Tartarughe e Delfini nel Mediterraneo, i progetti attivi contro l’impatto del Bycatch

Scritto da Maria Luisa Congiu, 30 Agosto 2023 - Tempo di lettura: 6 minuti

I progetti attivi per salvare le specie animali invia di estinzione come delfini e tartarughe, ecco come le ONG si attivano per l’ambiente

Le tartarughe marine e i delfini sono specie protette, ma rimangono sotto minaccia. “Ocean” si è recato in Grecia e in Italia per incontrare attivisti e volontari che lavorano instancabilmente per salvare queste vite animali.

Salvare tartarughe e delfini nel Mediterraneo

La Protezione delle Tartarughe

L’Impatto del Bycatch sulla Cattura Globale Mondiale di specie marine in via di estinzione. Ogni mattina, appena sorge il sole, le squadre della ONG ambientalista greca ARCHELON perlustrano le spiagge della Baia di Kyparissia nell’ovest del Peloponneso.

Questa è l’area di nidificazione di tartarughe marine più grande di tutto il Mediterraneo e la maggior parte dei nidi si trova lungo una striscia di appena 10 chilometri.

Nell’area che ARCHELON sta monitorando, ci sono circa 5.000 nidi lungo una striscia di 12,5 chilometri. Rapidamente individuano una traccia di tartaruga che conduce a un nuovo nido. Il team lo esamina attentamente e lo copre con una griglia metallica per proteggere le uova dai cani e dalle altre minacce legate all’attività umana sulla spiaggia.

Quando ARCHELON ha iniziato questo lavoro, contavano appena 600 nidi in questa zona. Ora, 40 anni dopo, le tartarughe stanno cominciando a prosperare.

“Mi piacciono molto le tartarughe marine! Sono questi animali selvaggi che risalgono all’era dei dinosauri, e li vediamo ancora arrivare su queste stesse spiagge anno dopo anno,” dice Michalis Souroulidis, Responsabile del Progetto ARCHELON per il Peloponneso Occidentale.

In mare, le tartarughe possono rimanere intrappolate nelle reti da pesca e purtroppo le loro popolazioni non sopravvivrebbero senza l’intervento umano.

“Il loro più grande nemico, il loro più grande predatore è in realtà l’essere umano. Quindi secondo me, se siamo la loro più grande minaccia, possiamo anche essere il loro aiuto più grande,” aggiunge.

A Glyfada, vicino ad Atene, ARCHELON gestisce un Centro di Salvataggio per Tartarughe Marine dove i volontari aiutano le tartarughe malate o ferite che provengono da tutte le coste lunghe e variegate della Grecia.

Durante la nostra visita, abbiamo incontrato 29 tartarughe, alcune gravemente ferite: una tartaruga ha un trauma cranico e richiede un intervento chirurgico. Il loro trattamento richiede l’esperienza di veterinari, aiutati da dozzine di volontari provenienti da numerosi paesi.

È difficile sapere con certezza come le tartarughe si feriscano, ma sembra probabile che alcuni pescatori usino la forza per liberarle dalle reti quando rimangono impigliate. Ovviamente ciò può danneggiare le reti da pesca ed essere un’operazione lunga, ma la presenza delle tartarughe non influisce sulle dimensioni delle loro catture.

Di conseguenza, uno dei principali obiettivi di ARCHELON è sensibilizzare: ritengono che i pescatori debbano capire che le tartarughe marine non danneggiano le loro catture e dovrebbero essere trattate con cura.

“Purtroppo, la prima causa per la maggior parte degli animali che riceviamo sono lesioni deliberate, principalmente nella zona della testa. Di solito vediamo anche cicatrici o lesioni nella zona delle pinne anteriori,” ha detto Eirini Kasimati, Responsabile della Rete di Salvataggio e Riabilitazione di ARCHELON, a Euronews.

“Sono rimaste impigliate nelle reti da pesca e nel tentativo delle persone di liberarle, le hanno colpite. È ovviamente inaccettabile. Abbiamo casi in cui le tartarughe marine sono intrappolate nelle reti da pesca, hanno ingerito ami o linee da pesca,” ha aggiunto. Il centro di salvataggio accoglie visitatori, molti dei quali turisti, e ARCHELON si basa su donazioni private e collabora con organizzazioni internazionali, tra cui l’Unione Europea. Le tartarughe possono persino essere “adottate.”

Chiunque può sostenere un paziente attraverso il sito web di ARCHELON effettuando una donazione: i contributi pubblici aiutano le tartarughe a riprendersi in modo che possano tornare in mare.

“Rilasciare una tartaruga è sempre una delle sensazioni più belle che si possano provare in questo tipo di lavoro,” ha detto Eirini Kasimati.

Le tartarughe marine sono una delle numerose specie marine a crescita lenta e a lunga vita che destano preoccupazione oggi per la loro sopravvivenza futura. Ma ci sono anche altri, come i delfini e le balene, i cetacei dei mari del mondo.

Salvare i Delfini

Delfini Del Ponente” è un’associazione nella Liguria occidentale che monitora i mammiferi marini e altre forme di vita marine. Lungo questa tratta della costa italiana, vicino al confine francese, i delfini e le balene sono particolarmente abbondanti. Per contribuire a preservare e ripristinare queste popolazioni, gli attivisti documentano meticolosamente ogni avvistamento. I dati raccolti identificano le aree che potrebbero richiedere una protezione più intensa.

“Queste creature costiere vivono in un’area fortemente influenzata dalle attività umane come la pesca e il traffico marittimo,” afferma Elena Fontanesi, Vicepresidente di Delfini Del Ponente.

“Tra gli animali che identifichiamo e monitoriamo, alcuni mostrano segni di collisioni con eliche e motori di barche. Ci sono animali che sono stati catturati accidentalmente o che mostrano segni di interazioni passate dalle quali sono riusciti a sopravvivere.”

Perché sta accadendo tutto questo? L’organizzazione spagnola SUBMON collabora con i pescatori locali e ha posizionato telecamere sulle reti da pesca

nella Catalogna settentrionale per capire cosa sta succedendo. E ci sono progetti simili nel Mediterraneo e nel Mar Nero da parte di scienziati che collaborano con la Commissione Generale per la Pesca nel Mediterraneo, o GFCM.

Le immagini sottomarine da una di queste telecamere in Turchia mostrano delfini che cercano di prendere i pesci dalle reti da traino. È possibile vederlo in questo video caricato dall’Organizzazione per l’Alimentazione e l’Agricoltura delle Nazioni Unite.

Le immagini rivelatrici a 2 minuti e 41 secondi nel video su Youtube mostrano delfini che si mettono in pericolo mentre si avvicinano alle reti da traino per prendere il pesce, un comportamento chiamato “depredazione”. Rosicchiano le reti, danneggiando costose attrezzature da pesca.

Alcuni delfini si avventurano persino nelle acquafarm offshore, causando disagi ai pesci coltivati.

In un progetto quadriennale, la GFCM e l’organizzazione legale di conservazione marittima ACCOBAMS hanno valutato una varietà di dissuasori per delfini, dai “pinguini” acustici a CD riflettenti e bottiglie di vetro. Ma non sono ancora sicuri di quanto bene funzionino questi metodi. I mammiferi rimangono intrappolati nelle reti, collidono con le imbarcazioni da pesca e quindi vengono feriti o arenati, ma un intervento tempestivo può salvarne molti.

Tornando a terra, sulla spiaggia di Imperia in Liguria, ci uniamo a una sessione di formazione del progetto europeo “Life DELFI”. Uno dei suoi obiettivi è creare una rete di squadre di soccorso, comprendenti vari servizi costieri e gruppi di protezione degli animali, sempre pronti ad assistere i delfini arenati.

Un gruppo partecipa a una sessione su come prestare soccorso a un delfino arenato: sono partecipanti di varie organizzazioni e il veterinario Nicola Pussini mostra loro – usando un delfino finto e non uno vero – le procedure che possono utilizzare.

“Stiamo contando circa 10-15 situazioni di spiaggiamento ogni anno solo nella regione Liguria,” afferma Nicola Pussini, dell’Istituto Sperimentale di Zoo Profilassi del Piemonte.

Stanno imparando come avvicinarsi a un delfino arenato e quali sono le prime procedure di soccorso da seguire, come metterli all’ombra. Gli animali marini in Europa e in tutto il mondo affrontano sfide crescenti, dagli effetti della pesca all’inquinamento e al peggioramento dei cambiamenti climatici. Ma il messaggio è che i cetacei possono essere salvati e persino prosperare.

“Le soluzioni ci sono,” afferma Guido Pietroluongo, veterinario per la conservazione presso l’Università di Padova. “Dobbiamo solo applicarle per la conservazione di queste straordinarie creature.”

Il punto sulla salvaguardia delle faune marine

Il termine “bycatch” si riferisce alla cattura accidentale di animali marini che vengono successivamente scartati dai pescatori, sia perché non sono desiderati, non possono essere venduti o sono protetti da regolamenti. Circa un quarto della cattura globale mondiale viene scartata.

Balene e Delfini

Ogni anno, oltre 300.000 piccole balene, delfini e marsuini muoiono per l’impigliamento nelle reti da pesca.

Uccelli Marini

Il bycatch uccide più di 300.000 uccelli marini ogni anno e 26 specie sono minacciate di estinzione.

Tartarughe Marine

Oltre 250.000 tartarughe comuni e tartarughe liuto annegano annualmente nelle palangari.

Squali

Ogni anno vengono catturati e uccisi 100 milioni di squali, sia nelle pesche mirate che come bycatch.

I Tipi di Pesca che Causano il Maggior Bycatch

Reti da Posta

Queste reti intrappolano la testa del pesce attraverso un buco nella maglia. Possono essere lunghe diversi chilometri e profonde fino a 30 metri. Le reti perse in mare sono raramente recuperate. Sono anche molto difficili da individuare, quindi possono continuare a catturare animali marini per molti anni.

Pesca a Traina

Si tratta di un metodo di pesca industriale in cui le barche trascinano grandi reti pesanti lungo il fondale marino, catturando praticamente tutto nella loro area. Esso rappresenta molti rischi per le barriere coralline, le tartarughe marine e i mammiferi marini.

Palangari

Si tratta di un metodo di pesca commerciale, di solito mirato a pescespada, tonni e halibut, in cui centinaia o migliaia di ami esca sono appesi a intervalli lungo una singola linea.

Fonti: FAO – 2018 e WWF – 2009 e l’articolo originale apparso su Euronews, di cui consigliamo la lettura per la completezza delle fonte e delle immagini in galleria.

Continua a leggere su ProgrammazioneTv.com


Anticipazioni Un Posto al Sole: Puntata del 27 e 28 maggio 2024 su Rai 3