Chi era il Dr. Michiaki Takahashi e il suo ruolo nello sviluppo del primo vaccino contro la varicella

Scritto da Valentina Fiordaliso, 11 Aprile 2023 - Tempo di lettura: 4 minuti

Biografia di Michiaki Takahashi, il medico che ha scoperto il vaccino contro la varicella ma non solo: anche rosolia e le parotiti centrano con lo storico studioso giapponese sbarcato in America

Nato il 17 febbraio 1928 a Osaka, in Giappone, Takahashi ha conseguito la laurea in medicina presso l’Università di Osaka e si è unito all’Istituto di Ricerca sulle Malattie Microbiche nel 1959. Durante questo periodo, ha guidato il laboratorio e ha svolto un ruolo di primo piano nello sviluppo di vaccini contro il morbillo, la rosolia e le parotiti.

Il vaccino di Takahashi è stato approvato dal Giappone e da numerosi altri paesi, tra cui gli Stati Uniti, ed è stato somministrato a milioni di bambini in tutto il mondo come misura efficace per prevenire casi gravi della malattia virale contagiosa e la sua trasmissione.

La scoperta del vaccino contro la varicella

Dopo aver completato gli studi in medicina, Takahashi ha iniziato a lavorare presso l’Istituto di Ricerca per le Malattie Infettive dell’Università di Osaka, concentrandosi sulla ricerca sui virus del morbillo e della poliomielite. Tuttavia, un evento personale ha spostato la sua attenzione sulla varicella. Poco dopo essersi trasferito con la sua famiglia negli Stati Uniti, il figlio di Takahashi si è ammalato gravemente di varicella. Questo evento ha spinto il virologo a dedicarsi alla ricerca di un vaccino contro la varicella.

Dopo aver studiato i virus del morbillo e della polio, il dottor Takahashi ha accettato una borsa di ricerca nel 1963 presso il Baylor College negli Stati Uniti.

Ciò che ha portato alla scoperta del vaccino contro la varicella, quindi, è stato il grave caso di varicella che suo figlio ha sviluppato mentre si trovava a Houston, negli Stati Uniti. In un’intervista del 2011 al Financial Times, il dottor Takahashi ha ricordato che i sintomi di suo figlio sono progrediti rapidamente e gravemente, sviluppando addirittura una eruzione cutanea sul viso.

Il dottor Takahashi ha affermato che non ha dormito per tutta la notte. I sintomi sono diminuiti gradualmente e suo figlio si è ripreso. Ciò lo ha spinto a utilizzare le sue conoscenze sui virus per sviluppare un vaccino contro la varicella.

L’arrivo del vaccino contro la varicella

Dopo essere tornato in Giappone nel 1965, il Dott. Takahashi ha iniziato a coltivare altri virus attenuati della varicella in tessuti di animali e anche in quelli di esseri umani. In appena cinque anni, il vaccino era già pronto per essere sottoposto a nuove prove cliniche. Nel 1974, il Dott. Takahashi aveva completato lo sviluppo del primo vaccino contro il virus della varicella che causa la varicella.

Nel 1986, la Fondazione per le Malattie Microbiche, Università di Osaka, ha avviato la distribuzione del vaccino in Giappone come unico vaccino contro la varicella approvato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). Il vaccino salvavita di Takahashi è stato presto utilizzato in oltre 80 paesi.

Il Dott. Michiaki Takahashi ha sviluppato con successo in Giappone il primo vaccino vivo attenuato contro il virus della varicella nel mondo. Il virus utilizzato per questo tipo di vaccino era il virus varicella-zoster isolato dal liquido vescicolare di un bambino affetto da varicella tipica, ed è stato chiamato ceppo Oka dal cognome della famiglia del bambino.

Nel 1974, un paziente con nefrosi sviluppò la varicella in un reparto pediatrico e i pazienti pediatrici non infetti ricevettero immediatamente il vaccino contro la varicella. Come risultato, non si verificarono casi di varicella negli altri bambini e tutti i bambini vaccinati acquisirono immunità alla malattia.

Questi risultati furono pubblicati su Lancet, dimostrando per la prima volta la sicurezza e l’efficacia del vaccino contro il ceppo Oka del virus varicella. Durante lo sviluppo del vaccino, sono state condotte studi clinici su pazienti pediatrici ad alto rischio di contrarre una varicella grave, il che differisce dal processo di sviluppo di altri vaccini che di solito vengono testati su individui sani.

Questo vaccino è stato approvato in Giappone nel 1986 e la vaccinazione volontaria con una singola dose per i bambini di età superiore a 1 anno è iniziata nel 1987. Tuttavia, il tasso di copertura vaccinale è rimasto basso e il numero di pazienti affetti da varicella non è diminuito significativamente.

A causa del suo carattere volontario, i costi della vaccinazione erano a carico della famiglia del bambino, il che è stato considerato un motivo per il basso tasso di copertura. Inoltre, sebbene il vaccino abbia raggiunto una buona risposta anticorpale, il numero di casi di varicella breakthrough (BV) è risultato relativamente alto e in aumento, suscitando preoccupazione. Per aumentare il tasso di copertura vaccinale e ridurre il BV, il governo giapponese ha cambiato la politica di vaccinazione contro la varicella da volontaria a obbligatoria nell’ottobre 2014. Allo stesso tempo, è stato introdotto un programma a due dosi che prevede la somministrazione del vaccino due volte con un intervallo di almeno 3 mesi fino all’età di 3 anni.

Attualmente, i casi di varicella vengono monitorati solo presso le cliniche pediatriche sentinella in Giappone. Pertanto, è necessario stabilire un sistema per monitorare tutti i pazienti al fine di dimostrare l’efficacia del vaccino contro la varicella basata su dati di sorveglianza dettagliati. È inoltre necessario indagare sul momento ottimale per la somministrazione della seconda dose del vaccino e sulla necessità di ulteriori dosi di richiamo.

Continua a leggere su ProgrammazioneTv.com


Anticipazioni Un Posto al Sole: Puntata del 27 e 28 maggio 2024 su Rai 3