Biografia di Quino, Chi era il creatore del celebre fumetto Mafalda morto a 88 anni

Scritto da Marcello Romano, 11 Aprile 2023 - Tempo di lettura: 7 minuti

Vita, opere e traguardi di Quino, che con Mafalda ha parlato della fragilità umana ed ha toccato numerosi temi sociali di prima metà ‘900

Quino nasce a Mendoza, in Argentina, nel 1932 con il nome completo di Joaquìn Salvador Lavado Tejòn, ma conosciuto con il suo soprannome , da genitori di origine spagnola. Suo padre era impiegato commerciale e sua madre casalinga, entrambi di discendenza andalusa. Suo nonno, Joaquín Tejón, era un illustratore e per distinguerlo dagli altri membri della famiglia, tutti chiamavano il ragazzo “Quino”, che successivamente avrebbe adottato come pseudonimo artistico.

Biografia di Quino

Fin da giovane, Quino amava leggere fumetti e tra le sue influenze grafiche c’erano Ernie Bushmiller e Chic Young. Da adulto divenne anche un grande fan di Ronald Searle, Jean Bosc (Bosc), Chaval, Sempé, Saul Steinberg e Charles M. Schulz. La nonna materna di Quino era comunista e i suoi genitori erano molto interessati e preoccupati per l’ascesa del nazismo e del fascismo negli anni ’30 e ’40, in particolare per la Guerra Civile Spagnola (1936-1939). Questo ha plasmato la sua coscienza politica che si rifletterà nel suo lavoro futuro.

La Carriera Precoce e il trasferimento a Buenos Aires

Quino ha studiato arte presso l’Escuela de Bellas Artes de Mendoza, ma quando suo padre è morto nel 1949, ha abbandonato gli studi e ha deciso di cercare lavoro. Nel 1950 ha realizzato il suo primo annuncio illustrato per un negozio di stoffe. Dopo il servizio militare, si è stabilito a Buenos Aires. Il 9 ottobre 1954 i suoi primi fumetti comici sono apparsi sulla rivista settimanale Esto Es, seguiti presto da lavori su Leoplán, TV Guía, Vea y Lea, Damas y Damitas, Usted, Panorama, Adán, Atlántida, Che, Democracia e soprattutto Rico Tipo, Tía Vicenta e Dr. Merengue, dove era il vignettista di casa. Si è sposato nel 1960 e ha incontrato diversi futuri colleghi e editori durante il suo viaggio di nozze in Brasile. Nel 1962 ha tenuto la sua prima mostra personale.

La nascita di “Mafalda”

Nel 1963, Quino e un collega, Miguel Brascó, hanno sviluppato un piano per creare una striscia a fumetti con messaggi pubblicitari subliminali per Mansfield, una linea di elettrodomestici dell’azienda Siam Di Tella. Il piano era quello di inserirlo in una rivista all’insaputa dei lettori. Quino ha creato una bambina di sei anni con i capelli neri ricci, ispirandosi a “Nancy” di Ernie Bushmiller (conosciuta in spagnolo come “Periquita”) e a Lucy di Charles M. Schulz in “Peanuts”. Poiché i prodotti di Mansfield iniziavano con la lettera “m”, il nome della bambina doveva iniziare con la 13a lettera dell’alfabeto.

Sin da piccolo, Quino si confronta con le diverse idee di bene e male presenti nel mondo. Crescendo durante la Seconda Guerra Mondiale, Quino impara che spesso le persone vengono giudicate in base alla loro nazionalità o etnia, ma lui stesso trova conforto nel disegno, utilizzandolo come forma di espressione silenziosa.

Negli anni ’60 raggiunge la fama con la creazione di Mafalda, la bambina curiosa e intelligente che si sforza di capire il mondo complesso e contraddittorio che la circonda. Le strisce di Mafalda affrontano temi sociali, politici ed economici in modo satirico e spesso pungente, e guadagnano rapidamente una vasta popolarità non solo in Argentina, ma in tutto il mondo..

La sua carriera di disegnatore umoristico si consolida con la pubblicazione del suo primo libro di vignette intitolato “Mundo Quino” nel 1963. Quino diventa noto per la sua abilità nel rappresentare le contraddizioni della società e per il suo stile di disegno semplice ma efficace. Le sue opere sono caratterizzate da un sottile senso dell’umorismo e da un’acutezza nel cogliere le debolezze e le incongruenze dell’essere umano.

La scoperta di Mafalda e il suo messaggio

Le strisce di Mafalda sono state pubblicate su numerosi giornali in tutto il mondo e hanno guadagnato una vasta popolarità grazie al suo humor intelligente e alla sua capacità di affrontare temi complessi con semplicità e ironia. Mafalda è diventata un’icona della cultura popolare e il suo messaggio ha avuto un impatto duraturo sulla società argentina e internazionale.

Mafalda ha avuto un enorme successo sia in Argentina che a livello internazionale. Le sue strisce sono state tradotte in numerose lingue e hanno raggiunto un vasto pubblico di lettori di tutte le età. Il personaggio di Mafalda è diventato un’icona culturale, un simbolo di critica sociale e politica, ma anche di innocente ribellione contro le ingiustizie del mondo.

Mafalda ha ispirato molte generazioni di lettori e artisti, influenzando il mondo del fumetto, della satira e della critica sociale. Le sue battute intelligenti, la sua visione acuta del mondo e il suo impegno per i diritti umani e sociali sono ancora attuali oggi, anche dopo quasi sessant’anni dalla sua prima apparizione. L’eredità di Mafalda vive ancora, con nuove generazioni di lettori che scoprono e si identificano con il personaggio.

Quino non si limita a criticare i politici corrotti o i potenti, ma invita anche a riflettere sulle responsabilità individuali. Le sue strisce mettono in evidenza come ognuno di noi possa contribuire alle ingiustizie del mondo attraverso le proprie azioni quotidiane, come il consumo e lo spreco eccessivo, la chiusura mentale e l’indifferenza verso i problemi degli altri. Le sue opere spingono i lettori a prendere coscienza del proprio ruolo nella società e a cercare di fare del bene nel loro piccolo.

Quino ha sempre rifiutato di utilizzare Mafalda per pubblicizzare prodotti commerciali. Il suo personaggio è stato utilizzato esclusivamente per promuovere temi legati ai diritti umani. Nel 1976, Mafalda divenne portavoce della Convenzione sui Diritti dell’Infanzia, per la quale Quino creò un poster speciale illustrando i suoi principi. Nel 1986, Mafalda comparve anche in una campagna del Ministero dell’Istruzione e della Scienza spagnolo per promuovere le prime elezioni dei consigli scolastici nel paese. Durante la ribellione militare della Settimana Santa del 1987, Quino inviò al presidente Raúl Alfonsín una striscia a fumetti in tre pannelli. Nel 1991, Quino realizzò anche un poster per la Croce Rossa spagnola. Il 23 ottobre 2009, Mafalda comparve in un’edizione speciale sul giornale italiano La Repubblica per criticare i commenti misogini del primo ministro italiano Silvio Berlusconi. Fino ad ora, l’unico tema non politico sostenuto da Mafalda è stata una campagna per l’igiene dentale nel 1983.

Quino si è particolarmente infuriato quando ha scoperto uno sticker raffigurante il fratellino di Mafalda, Guille, con una bandiera pro-Franco. In un’altra occasione, le sue vignette sono state utilizzate in campagne politiche da un ufficiale militare di destra argentino. Nel gennaio del 2012, gli oppositori delle leggi anti-pirateria online hanno utilizzato illegalmente Mafalda come loro mascotte, facendo un gioco di parole tra il suo disgusto per la zuppa e le iniziali della legge (“SOPA”). Il 23 luglio 2018, Quino ha anche criticato l’uso del suo personaggio e di una citazione personale da parte di attivisti pro-aborto, poiché hanno tolto entrambi dal contesto: “Non ho autorizzato nulla, non rispecchia la mia posizione”, ha detto Quino in un’intervista. Anche se ha aggiunto:

“Ho sempre sostenuto le cause dei diritti umani in generale, e in particolare i diritti delle donne, a cui auguro buona fortuna nelle loro richieste.”

Dopo la conclusione di “Mafalda” nel 1973, Quino ha continuato a realizzare fumetti e vignette comiche. La maggior parte di questi lavori è stata realizzata in pantomima e senza personaggi ricorrenti, permettendo una facile traduzione globale. Alcuni di questi fumetti trattano argomenti generici, non politici, mentre altri offrono una critica pungente della società moderna. Quasi tutti presentano comicità nera, con punchline potenti e spesso inaspettate.

L’etica ed il comportamento di Mafalda, una bambina con lo spirito di un adulto

Quino, l’enigmatico artista argentino, ha conquistato i cuori dei lettori di tutto il mondo con le sue strisce comiche. I protagonisti delle sue opere sono spesso persone comuni, ma Quino non si tira indietro nel proporre scene surreali o allegoriche, come poliziotti che gettano valium in bocche aperte di manifestanti, o reazioni caricaturali.

Le storie di Mafalda, il personaggio più iconico di Quino, sono spesso più vicine all’età adulta rispetto ad altre strisce simili. Mafalda si preoccupa della politica mondiale, mentre Manolito è ossessionato dal denaro. Nonostante ciò, questi personaggi possono essere visti come veri bambini con genitori reali, e non come “adulti in corpi di bambino”.

L’umorismo di Quino è tipicamente acido, a tratti cinico, e spesso affonda nella miseria e nell’assurdità della condizione umana. Mette il lettore di fronte alla burocrazia, agli errori dell’autorità, alle istituzioni inutili e alla chiusura mentale. Un altro tratto tipico del suo stile è la riduzione all’assurdo di situazioni conosciute.

Questo approccio pessimista alla realtà non impedisce alle sue storie di essere piene di tenerezza e di mostrare simpatia per le vittime della vita, come impiegati, bambini, casalinghe, pensionati, artisti oscuri e altri ancora, senza nasconderne i difetti e le limitazioni. Ma anche nelle sue caricature di capi oppressivi e burocrati senza sentimenti si intravede una certa simpatia, poiché sono anch’essi vittime della loro stessa stupidità.

L’ottica di Quino è probabilmente il frutto delle vicissitudini dell’Argentina degli ultimi quarant’anni; la sua combinazione di pessimismo e umanesimo è probabilmente una delle principali ragioni del suo grande successo in tutta l’America Latina e in molte altre parti del mondo al di fuori dell’America Latina. Questo spiega perché le sue storie incentrate sulla realtà argentina degli anni ’60 e ’70 siano state pubblicate e tradotte in molte lingue diverse oltre allo spagnolo originale del Rio de la Plata.

Continua a leggere su ProgrammazioneTv.com


I Migliori Anni di Carlo Conti: Ospiti e Hit della Seconda Puntata