Seberg – Nel mirino è Un Thriller Affascinante che torna in prima serata: la recensione

Scritto da Valentina Fiordaliso, 14 Settembre 2023 - Tempo di lettura: 3 minuti

Fino alle sue intense fasi finali, il film di Benedict Andrews fa scarsa giustizia alla storia della persecuzione di Jean Seberg, star di Fino all’ultimo respiro, da parte dell’FBI

“New York Herald Tribune”, gridava Jean Seberg, all’età di 21 anni, mentre percorreva gli Champs-Élysées. Era un’Americana a Parigi: la poster girl importata dalla rivoluzionaria Fino all’ultimo respiro di Jean-Luc Godard. Pochi attori incarnavano la spensieratezza errante della Nouvelle Vague come Seberg, un’aerea del Midwest con un lato politico. E pochi avrebbero mai immaginato che stesse per affrontare gravi difficoltà.

Il film cerca di trasformarsi in un thriller, narrando la discesa agli inferi della protagonista perseguitata

Senza dubbio, ci potrebbe essere un brillante dramma tragico sulla vita di Seberg, che si è espressa a favore dei diritti civili, ha sostenuto i Black Panthers ed è stata perseguitata dall’FBI di J. Edgar Hoover. Ma non è decisamente il biopic leggero di Benedict Andrews, una storia di ombre della storia degli Stati Uniti che sembra essere stata prodotta in serie ed è girata con l’illuminazione iper-realistica che di solito si trova in uno studio fotografico o in un centro commerciale. Ci dice che Seberg è stata ingiustamente trattata e che aveva davvero un bell’aspetto in reggiseno, e non necessariamente in quell’ordine. Kristen Stewart interpreta l’attrice in un momento di svolta, gironzolando nella Los Angeles di fine anni ’60 con la camicetta sbottonata e il suo assegno aperto. È profondamente stanca di essere la dolce ragazza d’America e vuole usare qualsiasi margine di manovra abbia per combattere il potere e sostenere la causa. Il suo nuovo amante, Hakim Jamal (Anthony Mackie), la presenta ai Pantere Nere. Il suo agente retrogrado rischia quasi di svenire sul posto.

Stewart è un’attrice favolosa, come dimostrato in Personal Shopper, Certain Women e in numerosi altri film, e si impegna in questo ruolo con una determinazione ferrea che è ammirevole di per sé. Ciò che la delude è la trama convenzionale, unita al tipo di dialogo piatto e declamatorio che potrebbe essere stato preso da una storia fotografica di una rivista per adolescenti. Dice: “Voglio fare la differenza” e “Ho corso da quella ragazza per tutta la mia vita”. Dice: “Sto finanziando le Pantere”, solo per essere assolutamente certa che siamo tutti sulla stessa pagina.

L’FBI sicuramente conosce il gioco. Odia Seberg e tutto ciò che rappresenta, e nemmeno la coscienziosa G-man di Jack O’Connell può intervenire per impedire il lavoro demolitore che hanno in mente. Ed ecco che, nelle sue fasi finali, il film diventa finalmente il ritratto serio e cupo che probabilmente avrebbe dovuto essere fin dall’inizio, mentre l’attrice va in pezzi e inizia a smontare l’appartamento alla ricerca di microfoni, come Harry Caul alla fine de La conversazione. La battaglia è finita e il sogno è in pezzi. La storia può muoversi con la libertà di un film che non ha più niente da perdere.

“Seberg – Nel mirino”, diretto da Benedict Andrews e presentato alla Mostra del Cinema di Venezia nel 2019, affronta la storia intrigante di Jean Seberg, un’attrice in cima alla sua carriera che si ritrova nel mirino dell’FBI a causa del suo impegno per i diritti civili degli afroamericani. Tuttavia, nonostante il potenziale della trama, il film pecca nella sua esecuzione.

Kristen Stewart è affascinante nel ruolo di Jean Seberg, dando vita a un personaggio intensamente vulnerabile. Tuttavia, la storia che circonda Seberg non riesce a sfruttare appieno le sue premesse affascinanti. La sua dedizione alla causa delle Black Panther sembra mancare di una motivazione convincente, e le azioni del personaggio sembrano più guidate dalla passione sessuale che da un vero impegno sociale.

Il film introduce un personaggio inventato, l’agente dell’FBI interpretato da Jack O’Connell, che sembra essere l’unico “cattivo” della storia con una coscienza. Questo elemento sembra fuori luogo e non rende giustizia alla vera storia di Jean Seberg, una figura complessa e sfortunata che meriterebbe un trattamento più accurato sul grande schermo.

Continua a leggere su ProgrammazioneTv.com


Ecco tutte le novità e le nuove programmazioni di Pluto Tv previste per luglio 2024