Godzilla Minus One: c’è un nuovo film sul lucertolone (e corre anche agli Oscars 2024)

Scritto da Alessandro Tavani, 4 Febbraio 2024 - Tempo di lettura: 5 minuti

Godzilla Minus One: Dietro le quinte del film Toho in corsa per gli Oscar 2024

Una featurette speciale di 24 minuti svela i segreti dietro il nuovo film dedicato a Godzilla, candidato tra l’altro agli Oscar 2024 per gli eccezionali effetti speciali. Godzilla Minus One ha catturato l’attenzione per la sua eccellenza cinematografica, il successo internazionale al botteghino e soprattutto per gli effetti speciali che hanno portato il regista Takashi Yamazaki a conquistare una nomination agli Oscar 2024 per i migliori effetti speciali.

Un'inquadratura dall'alto nel film Godzilla (2024)

Un’inquadratura dall’alto nel film Godzilla (2024)

Questa è la prima volta che un film di Godzilla riceve una nomination agli Oscar e segna un traguardo storico per il cinema giapponese. “Minus One” si trova ora in competizione con The Creator, Guardiani della Galassia Vol. 3, Mission: Impossible – Dead Reckoning – Parte uno e Napoleon, tutti rivali di spicco.

Godzilla Minus One ha conquistato il terzo posto tra i maggiori incassi internazionali di tutti i tempi al box office USA. Inoltre, è diventato uno dei film giapponesi di maggior successo di sempre, superando Shin Godzilla come il film di Godzilla giapponese con il maggior incasso. Il film ha superato i 100 milioni di dollari a livello globale, dimostrandosi un autentico trionfo per il cinema nipponico. Recentemente, ha anche sorpassato un film dei Pokemon per guadagnarsi il terzo posto tra i film in lingua straniera con il maggior incasso nella storia degli Stati Uniti.

Il video backstage ufficiale di Godzilla Minus One offre uno sguardo esclusivo dietro le quinte del film. Sebbene sia in giapponese, è disponibile la traduzione automatica in italiano o inglese per consentire a tutti di apprezzarne i contenuti. Il video include un’intervista al regista Takashi Yamazaki, che ha guidato la produzione e supervisionato il team degli effetti speciali.

Il video del backstage

Tutte le “sole” 610 riprese con effetti visivi del film sono state realizzate da una squadra di 35 artisti presso lo studio Chōfu di Shirogumi, sotto la supervisione del regista Takashi Yamazaki e la direzione di Kiyoko Shibuya. L’elaborato processo di creazione degli effetti ha coinvolto l’uso di software di animazione come “3D Houdini” e “Maya” per il design, oltre a “Nuke” per il compositing. La post-produzione è stata completata alla fine di maggio 2023, una volta che gli effetti visivi sono stati perfezionati.

Il team si è dedicato alla realizzazione delle sequenze oceaniche del film, in particolare alla spettacolare scena della distruzione causata da Godzilla. Yamazaki ha dichiarato che questa scena ha rappresentato una sfida tecnica senza precedenti, generando un’enorme quantità di dati durante il processo di rendering. La complessità della produzione è stata tale che i dati accumulati hanno superato abbondantemente un petabyte, equivalente a un miliardo di byte.

Durante le discussioni con Shinji Higuchi, co-regista e direttore degli effetti di Shin Godzilla, Yamazaki ha rivelato che le sequenze di distruzione e le morti sullo schermo sono state ispirate dalla sequenza di Shibuya in Gamera 3: Revenge of Iris (Gamera 3 – Iris kakusei), un film diretto proprio da Higuchi. Alcuni dei personaggi presenti sullo schermo durante la devastazione causata da Godzilla sono stati creati utilizzando Houdini; circa 60 comparse sono stati digitalmente scansionati in 3D per essere ricreati in digitale.

L’intervista della troupe di Gozilla

Gli addetti agli effetti visivi di Godzilla Minus One hanno discusso con Variety del lavoro svolto sulla pellicola, che è stata candidata all’Oscar per il notevole traguardo tecnico raggiunto nonostante un budget irrisorio per gli standard di Hollywood, ammontante a 15 milioni di dollari.

Il regista, sceneggiatore e supervisore degli effetti visivi Takashi Yamazaki ha rivelato che la produzione desiderava che la battaglia finale contro il titano fosse un’esperienza quasi “religiosa”, quindi era di fondamentale importanza che fosse convincente. Yamazaki ha dichiarato che quel momento è stato oggetto di lunghe e laboriose discussioni. Tutto il team ha esaminato attentamente circa 100 diverse modalità per ottenere il risultato desiderato.

Una versione di Godzilla anche più "palestrata"

Una versione di Godzilla anche più “palestrata”

Durante la conversazione, Yamazaki ha svelato che nella pellicola sono presenti solamente 610 inquadrature con effetti visivi, molte delle quali si concentrano nella sequenza finale. Circa 100 di queste inquadrature sono state utilizzate per simulazioni digitali dell’acqua, un aspetto definito come “mai visto” in Giappone dalla responsabile Kiyoko Shibuya.

Il risultato è una delle ragioni per cui “Godzilla Minus One” ha ottenuto una nomination agli Oscar per i Migliori Effetti Visivi. Mentre molti film guidati dagli effetti visivi vantano l’uso di migliaia di inquadrature VFX, il film kaiju da 15 milioni di dollari, il primo film di Godzilla ad ottenere una nomination agli Oscar, ha utilizzato solo 610 inquadrature VFX. La maggior parte di esse si trovano nel finale della durata di oltre dieci minuti.

Un altro punto cruciale creativo per il team, che aveva otto mesi per completare il lavoro, è stato durante il finale.

Nella scena, la testa di Godzilla esplode dopo che l’eroe del film, Shikishima, fa schiantare un aereo nella bocca della bestia. Realizzare questo è stato una battaglia fino alla fine.

“Non avevamo la larghezza di banda o il lusso di tempo e risorse, ma stavamo procedendo verso il punto in cui sapevamo che dovevamo far esplodere la sua testa,” ha detto il direttore CG 3D e capo del team CG Masaki Takahashi. Ha aggiunto che avevano una visione chiara ma “non molto tempo per sperimentare”.

“Dopo averlo simulato, abbiamo avuto forse due prove, e di quelle, una ha funzionato ed è finita nel film,” ha confermato.

Delle 600 inquadrature VFX, oltre 100 erano effetti d’acqua, qualcosa che è “quasi inedito” in Giappone, secondo il direttore degli effetti visivi Kiyoko Shibuya. “Non è che cercassimo intenzionalmente di raggiungere un grande numero, ma le persone dicevano: ‘Non sappiamo cosa state pensando o facendo. Dovete essere fuori di testa a farne così tanti'”, ha riso.

Un momento di svolta per il team è arrivato quando stavano facendo dei test per il momento in cui Godzilla eruttò in una furia violenta mentre era in acqua, e sembrava credibile.

“Ci stavamo concentrando su tutti i movimenti per vedere come avrebbe funzionato e ci siamo resi conto che funzionava davvero. Godzilla e l’acqua insieme sono fattibili. Questo ha permesso a tutte le altre parti di trovare il loro posto,” ha detto l’artista degli effetti e compositore Tatsuji Nojima con entusiasmo.

C’è stato un momento nel finale in cui la creatività e la necessità hanno prevalso sull’autenticità: l’uso di gas pressurizzato per far affondare Godzilla alla velocità.

“Alla fine, con quella scena in particolare, si trattava solo dell’aspetto visivo,” ha ceduto Takahashi. “In realtà, se avessimo fatto i calcoli e la scienza, Godzilla non avrebbe emesso bolle come quelle presenti nel film, quindi non è stato un calcolo visivo; era più una questione di farlo funzionare.”

Tuttavia, quando gli è stato chiesto di quale elemento del caos il team fosse più orgoglioso, il chiaro vincitore è stato un breve momento di maestà mozzafiato mentre il gigantesco antagonista emergeva dalle profondità.

“Quando Godzilla emerge dall’acqua, è in posizione di attacco e la telecamera gira intorno. Per me, c’è una grande quantità di tensione costruita attorno a quella scena,” ha ricordato Yamazaki. “Ho sentito voci dalla linea laterale che dicevano che la velocità e il movimento potrebbero essere un po’ troppo veloci, ma il lavoro della telecamera e tutto il resto in quella inquadratura sono brillanti.”

Continua a leggere su ProgrammazioneTv.com


Anticipazioni Un Posto al Sole: Puntata del 27 e 28 maggio 2024 su Rai 3