“Via col vento”: le scene tagliate ed andate perdute

Scritto da Alessandro Tavani, 3 Marzo 2023 - Tempo di lettura: 6 minuti

Una guerra mai rivelata sulla visione della schiavitù. Le intenzioni suicide di Rhett Butler. Uno manoscritto ritrovato rivela cosa non è stato messo nel montaggio finale.

“È meglio sapere il peggio che chiederselo” (Margaret Mitchell, “Via col vento”)

Durante la prima di “Via col vento” ad Atlanta il 15 dicembre 1939, il giovane Martin Luther King Jr., allora di 10 anni, era vestito da schiavo. Era la seconda serata di una festa ufficiale di tre giorni proclamata dal sindaco di Atlanta e dal governatore della Georgia. Il coro di King stava intrattenendo un pubblico bianco, diretto a cantare spirituals per creare un’atmosfera di luce di luna e magnolie per il produttore del film, il famoso David O. Selznick. Selznick era il figlio di un ex capo degli studi e il marito della figlia di Louis B. Mayer, ispirando l’antica battuta di Hollywood “il genero si alza”. Ma Selznick aveva lottato duramente per creare il suo proprio legato, iniziando con l’aggiunta dell’occhi-catching ma insignificante “O” al suo nome, e culminando nella creazione del suo studio indipendente. Nel 1939, Selznick si era già stabilito come uno dei più ambiziosi e schietti showman di Hollywood. Aveva rischiato l’intero studio con “Via col vento”, puntando sulla popolarità del romanzo su una spietata donna del Sud durante la Guerra Civile che aveva spazzato l’America tre anni prima, vincendo il premio Pulitzer alla sua autrice debuttante Margaret Mitchell e diventando presto il libro di narrativa più venduto del paese, seconda solo alla Bibbia in termini di vendite.

In senso orario, dall’alto a sinistra: Yola d’Avril e Ivy Parsons (in alto a destra) in una scena di tribunale tagliata dal film (cortesia di “Gone With the Wind: Deleted Scenes” su Facebook); Margaret Seddon nei panni della nonna Tarleton (Masheter Movie Archie/Alamy Stock Photo); Ona Munson nei panni di Belle Watling con soldati feriti (Masheter Movie Archive/Alamy Stock Photo)”.

Mentre Selznick osservava King e il coro della Chiesa Battista di Ebenezer cantare, e Atlanta bianca si muoveva in una frenetica celebrazione del suo epico film, il produttore custodiva un segreto sconvolgente mai rivelato fino ad oggi: una guerra civile che aveva agitato la produzione internamente per la questione della schiavitù, con un gruppo di sceneggiatori che insisteva nel rappresentare la brutalità di quella istituzione, e un’altra fazione, che includeva F. Scott Fitzgerald, che cercava di cancellarla. Le lotte di Selznick sull’esclusione del KKK e della parola con la “n” dalla sceneggiatura e le sue negoziazioni con la NAACP e il suo cast nero sono cose leggendarie. Ma la decisione del produttore di intrattenere scene che mostrano gli orrori della schiavitù prima di decidere di tagliarle non è mai stata raccontata (oltre alle scene che mostrano le intenzioni suicide di Rhett Butler con una pistola e persino un rivoltoso che si traveste da donna). Se non fosse stato per le scelte di Selznick di errare sul lato della pacificazione bianca, avrebbe potuto cambiare il corso di uno dei film più celebrati – e disonorati – mai realizzati.

Hattie McDaniel e Clark Gable nel film. (FilmPublicityArchive/United Archives via Getty Images)

“Via col vento” è uno dei film più visti e controversi nel canone americano, la produzione di maggior successo finanziario di tutti i tempi negli Stati Uniti, e un pilastro centrale nell’edificio del sistema degli studi di Hollywood. Avrebbe vinto otto premi Oscar nel 1940, tra cui uno per Hattie McDaniel, la prima afroamericana a vincere un premio Oscar competitivo (anche se tristemente, fu seduta separatamente dai suoi co-protagonisti bianchi alla cerimonia).

Indubbiamente, il film rappresentò un traguardo storico nella narrazione, nella fotografia a colori, nella scenografia, nella recitazione, nell’orchestrazione, nella rappresentazione multidimensionale dei personaggi femminili, nei costumi e negli sforzi per contrastare la censura del Codice Hays. Ma è altrettanto vero che il film ha avuto una distruttiva influenza globale sull’intera comprensione delle relazioni razziali nel mondo. Un critico francese una volta ha salutato Via col vento come “la Cappella Sistina del cinema”, mentre il regista John Ridley l’ha più recentemente riassunto come “un film che, quando non ignora gli orrori della schiavitù, si ferma solo per perpetuare alcuni dei più dolorosi stereotipi delle persone di colore”.

Come visto attraverso la lente di scene perdute in una sceneggiatura riscoperta, il film rappresenta anche un duro ricordo dei dibattiti e delle discussioni che continuano a tormentare la cultura americana più di 80 anni dopo.

Hattie McDaniel tiene una targa commemorativa della sua vittoria all’Oscar come miglior attrice non protagonista.

Le scene perdute

Abbiamo scoperto questa storia inedita di Via col vento dopo essere inciampato su una vecchia sceneggiatura in vendita presso un negozio online tre anni fa. Abbiamo subito capito che la sceneggiatura era una scoperta straordinaria dal momento che, secondo l’asta in cui era stata originariamente venduta, Selznick aveva ordinato la distruzione di tutte le sceneggiature. Questa era una delle ultime “Sceneggiature Arcobaleno”, chiamata così per le pagine multicolore inserite per riflettere le revisioni dell’ossessivo produttore, che continuarono a riversarsi fino ai giorni finali della produzione. Abbiamo visto che la sceneggiatura di 301 pagine era stata autenticata per il proprietario precedente da Bonhams, una delle case d’asta più prestigiose del mondo, così l’abbiamo comprata (per 15.000 dollari – non chiedetemi. Maggiori dettagli sulle mie ossessioni per Via col vento qui).

Quando abbiamo cominciato a leggere la Sceneggiatura Arcobaleno, l’abbiamo trovata ancora più incredibile di quanto avessi immaginato. Era piena di scene perdute tagliate dal film tra il 27 febbraio 1939, quando furono aggiunti i primi inserti, e qualche tempo dopo il 25 giugno 1939, quando l’ultimo di essi fu datato. Alcune di queste scene mi erano note per leggenda e ricerca, ma la maggior parte di esse non era mai stata descritta da nessun’altra parte.

Le fotografie sul set rappresentano alcune di queste scene perdute, confermando che diverse di esse furono effettivamente girate. Se questo materiale fosse mai stato esposto, sarebbe stato a Riverside, in California, il 9 settembre 1939, quando Selznick testò il film incompiuto di fronte a un pubblico rapito dopo aver letteralmente chiuso la porta del Fox Theater e comandato improvvisamente una doppia proiezione di Notti hawaiane e Beau Geste.

Il contesto delle scene finali di Via col Vento

Il produttore David O. Selznick, durante la produzione del film “Via col vento”, era combattuto tra la volontà di creare un’immagine storica più accurata della schiavitù e la pressione del pubblico che desiderava una romantizzazione della vita antebellum. Selznick si preoccupava dei numerosi proteste contro il film da parte della stampa nera e si trovava in corrispondenza con Walter White, segretario esecutivo dell’NAACP. Tuttavia, Selznick cercava di mantenere la fedeltà assoluta al romanzo originale di Margaret Mitchell, il che ha portato alla presenza di scene contraddittorie che presentano sia romanticismo che brutalità. La lotta tra le due prospettive ha portato alla formazione di due gruppi di sceneggiatori: i Romantici e i Realtisti. Selznick era insoddisfatto della versione di Oliver H.P. Garrett e ha cercato di riscrivere alcune scene da solo.

Trovi la versione completa del pezzo sul The Ankler. L’articolo descrive le modifiche che furono apportate alla sceneggiatura di “Via col vento” prima della produzione del film del 1939. F. Scott Fitzgerald fu licenziato dalla produzione per aver fallito nel rendere abbastanza divertente la zia Pittypat; la sceneggiatura fu poi rivista da Ben Hecht, che lavorò insieme al regista Victor Fleming e al produttore David O. Selznick per creare una versione più accettabile della sceneggiatura originale, nonostante avesse attenuato la rappresentazione della schiavitù. L’articolo descrive alcune delle modifiche apportate alla sceneggiatura originale, tra cui la rimozione di alcune scene che ritraevano la crudeltà della schiavitù e la sostituzione di una scena che suggeriva che i nordisti fossero razzisti, anziché i sudisti.

Il film è stato un grande successo al botteghino e ha vinto numerosi premi, tra cui dieci premi Oscar. Tuttavia, il film è stato anche criticato per il suo ritratto romanzato del sud degli Stati Uniti durante la guerra civile, la sua rappresentazione dei neri e la sua mancanza di realismo storico. Parla anche del ruolo di Hattie McDaniel, la prima persona nera a vincere un premio Oscar, e del suo personaggio di Mammy. L’articolo esplora come la sua vittoria e il ruolo del personaggio abbiano contribuito alla rappresentazione degli afroamericani nel cinema. Il post esamina anche la reazione di figure storiche, come Adolf Hitler e Mao Zedong, al film. Infine, approfondirà il destino del premio Oscar di Hattie McDaniel, andato perduto.

Continua a leggere su ProgrammazioneTv.com


Anticipazioni Un Posto al Sole: Puntata del 27 e 28 maggio 2024 su Rai 3