FIFA annuncia la nuova Coppa del mondo di calcio del 2026: ben 48 squadre e 40 giorni di partite

Scritto da Daniela Palma, 14 Marzo 2023 - Tempo di lettura: 3 minuti

La FIFA ha annunciato un nuovo format per la Coppa del Mondo del 2026 che si terrà in Canada, Stati Uniti e Messico. La novità principale è la partecipazione di 48 squadre, 16 in più rispetto alle precedenti edizioni. Saranno organizzati 12 gruppi da 4 nazionali ciascuna, invece dei 16 gruppi da 3 squadre previsti inizialmente. E ben 40 giorni di mondiale, 40 partite in più rispetto al Qatar.

Appuntamento al mondiale 2026 di Stati Uniti, Canada e Messico: 16 squadre in più, tantissime partite e nuovo format per la fase finale.

La novità principale è che le 48 squadre partecipanti saranno divise in 12 gironi da 4 squadre ciascuno, invece dei 16 gruppi da 3 squadre ciascuno ipotizzati inizialmente. Si qualificheranno ai sedicesimi le prime due di ogni raggruppamento, oltre alle 8 migliori terze. In totale, saranno giocate 104 partite in 40 giorni, ben 40 partite in più rispetto all’edizione in Qatar nel 2022. La finale si disputerà il 19 luglio 2026.

Il nuovo format permetterà alle squadre di giocare almeno tre partite nel girone, evitando così il rischio di eliminazioni premature. Le 48 squadre partecipanti dovranno percorrere quasi 5000 km in linea d’aria, dalle sedi ufficiali di Toronto, Vancouver, Guadalajara, Città del Messico, Monterrey, Atlanta, Boston, Dallas, Houston, Kansas City, Los Angeles, Miami, New York/New Jersey, Philadelphia, San Francisco e Seattle.

Il tutto per maggiori incassi rispetto al 2022

La FIFA prevede entrate maggiori, si parla di 11 miliardi di dollari nel ciclo quadriennale che si chiuderà con il Mondiale 2026, quasi 4 miliardi in più rispetto a quanto incassato nello stesso arco temporale terminata con la Coppa del Mondo in Qatar. Il nuovo calendario per i match delle Nazionali dal 2025 al 2030 è stato ufficializzato, prevedendo nove giorni di finestre per i match a marzo e giugno e 16 giorni con quattro finestre per i match a fine settembre/inizio ottobre.

Le prime due classificate di ogni gruppo, insieme alle 8 migliori terze, si qualificheranno ai sedicesimi di finale. Il torneo si svolgerà in 16 sedi ufficiali, dal Messico agli Stati Uniti, fino al Canada. In totale, saranno giocate 104 partite in 40 giorni, ovvero 40 partite in più rispetto alla precedente edizione in Qatar.

La fase finale

La finale si disputerà il 19 luglio 2026, ben 40 giorni dopo la gara inaugurale. Il nuovo formato garantirà alla FIFA entrate per 11 miliardi di dollari nel ciclo quadriennale che si concluderà con il Mondiale 2026. La novità del nuovo calendario riguarda le finestre per i match delle Nazionali dal 2025 al 2030, suddivisi in marzo, giugno e fine settembre/inizio ottobre.

Il nuovo format permetterà quindi di giocare un maggior numero di partite e garantire maggiori profitti alla FIFA, ma dovrà anche affrontare le sfide logistiche e geografiche rappresentate dalle sedi distanti tra loro. La FIFA è comunque fiduciosa di poter organizzare un evento di successo e coinvolgere una maggior parte di squadre nel più grande evento calcistico al mondo: spuntano le prime perplessità a riguardo, ma lo spettacolo sembra assicurato.

Testa anche al 2030

Il Marocco, la Spagna e il Portogallo hanno annunciato oggi la loro candidatura congiunta per ospitare i Mondiali del 2030. La notizia è stata data dal Re del Marocco Mohammed VI, che ha reso nota la decisione delle tre nazioni di unirsi nella corsa all’organizzazione del più grande evento calcistico del mondo.

La candidatura del trio nordafricano-europeo si scontrerà con quella di un quartetto sudamericano composto da Uruguay, Argentina, Paraguay e Cile, che ha già espresso interesse ad ospitare i Mondiali del 2030. L’opzione di una candidatura congiunta tra Spagna e Portogallo era stata ventilata già in passato, ma la novità è rappresentata dall’ingresso del Marocco, che potrebbe conferire una dimensione più internazionale all’evento. La candidatura congiunta Africa-Europa ha il vantaggio di presentare una proposta innovativa e di offrire un’opportunità unica di riunire le due sponde del Mediterraneo intorno ad un evento di portata mondiale.

Continua a leggere su ProgrammazioneTv.com


Terra Amara: Anticipazioni puntata del 27 e 28 Febbraio 2024