Terremoto Firenze Magnitudo 4.8, gente in strada alle 5.10 del mattino ma nessun danno o ferito

Scritto da Maria Luisa Congiu, 18 Settembre 2023 - Tempo di lettura: 4 minuti

Una scossa di terremoto di notevole intensità, registrata con una magnitudo di 4.8, ha colpito la provincia di Firenze alle 5.10 del mattino

L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv) ha identificato l’epicentro a soli 3 chilometri a sud-ovest del comune di Marradi, nel Mugello. Questo sisma ha destato grande preoccupazione tra i cittadini, poiché è stato avvertito in modo netto anche nella città di Firenze, nonché in Emilia-Romagna e Marche, in particolare nelle città di Faenza, Imola e alcune zone limitrofe. Così, dopo il terremoto in Marocco, anche in Italia sono salite le preoccupazioni per una scossa forte ma che per fortuna non ha fatto danni.

Terremoto Firenze Magnitudo 4.8, gente in strada alle 5.10 del mattino ma nessun danno o ferito

Fortunatamente, al momento non sono stati segnalati danni a persone o beni materiali. Tuttavia, molte persone sono state viste riversarsi nelle strade dopo la scossa, e la Protezione Civile sta attualmente effettuando le verifiche necessarie per garantire la sicurezza della popolazione.

Per precauzione, le autorità locali hanno deciso di chiudere le scuole a Marradi, Borgo San Lorenzo e Firenzuola per la giornata odierna. Il sindaco di Firenzuola, Giampaolo Buti, ha comunicato attraverso la sua pagina Facebook questa decisione, spiegando che la chiusura è dovuta alla scossa di terremoto e al persistere di sciami sismici nella zona.

Il presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani, ha espresso la sua preoccupazione riguardo alla situazione. Ha dichiarato: “Al momento, non risultano situazioni di particolare criticità. Continueranno i controlli sugli edifici e le strutture nella zona. Potremo avere una visione più chiara dei danni nelle prossime ore.” Giani ha sottolineato che il Mugello è già stato colpito da una calamità naturale recente, un’alluvione avvenuta nel maggio scorso. Questo nuovo terremoto mette a dura prova la popolazione e richiede un intervento immediato.

La rete ferroviaria è stata anch’essa interessata da questo sisma. In particolare, due linee ferroviarie sono state interrotte: la tratta da Pontassieve a Borgo San Lorenzo e la linea da Firenze a Vaglia in direzione di Faenza. Inoltre, la linea dell’Alta Velocità è stata deviata sulla vecchia direttissima che passa per Prato.

Il capo del Dipartimento della Protezione Civile, Fabrizio Curcio, ha confermato che al momento non ci sono danni significativi riportati e che le verifiche continueranno per l’intera giornata. Tuttavia, la paura ha spinto molte persone a chiamare i servizi di emergenza, e la Protezione Civile è stata attivata per fornire assistenza alla popolazione.

Il sindaco di Firenze, Dario Nardella, ha raccomandato cautela alla popolazione nelle prossime ore, mentre si stanno facendo ulteriori verifiche riguardo ai danni. Resta alto il livello di attenzione per garantire la sicurezza della comunità colpita da questo improvviso terremoto.

I comuni nella provincia

La circolazione ferroviaria ad alta velocità tra Firenze e Bologna è tornata alla normalità alle 8 del mattino. La circolazione era stata rallentata a partire dalle 5.30 circa per effettuare controlli sulla rete ferroviaria in seguito alla scossa di terremoto che aveva colpito la zona. Tuttavia, la linea ferroviaria Firenze-Faenza tra Borgo San Lorenzo e Marradi rimane sospesa per precauzione. La situazione sulla linea Pontassieve-Borgo San Lorenzo è tornata regolare, e si sta lavorando sulla riprogrammazione dell’offerta ferroviaria del traffico regionale.

Il presidente della Toscana, Eugenio Giani, ha comunicato che la linea ad alta velocità è stata deviata sulla vecchia linea direttissima (linea da Prato) a causa di ritardi e cancellazioni dovuti a verifiche di stabilità sulla rete ferroviaria. La linea Pontassieve-Borgo San Lorenzo da Pontassieve è stata interrotta, e lo stesso è accaduto per la linea Firenze-Faenza fino a Vaglia.

Fabrizio Curcio, capodipartimento Protezione Civile, ha rassicurato che al momento non ci sono situazioni critiche segnalate. Ha spiegato che la prima scossa di terremoto, di magnitudo 4.8, è avvenuta alle 5:10 nella provincia di Firenze, con epicentro a Marradi. La magnitudo dell’evento ha provocato apprensione tra la popolazione, ma non si segnalano situazioni particolarmente gravi o critiche. Sono state effettuate alcune verifiche e ulteriori controlli sono stati disposti, incluso un esame delle strutture scolastiche. La Protezione Civile continuerà a monitorare la situazione a causa delle scosse di assestamento che si sono verificate, ma al momento non ci sono elementi sufficienti per prevedere come si evolverà la situazione.

Nel comune di Tredozio (Forlì-Cesena), che è stato epicentro di alcune scosse di assestamento, sono state evacuate dieci persone da una casa di riposo a causa dei danni alle strutture. Il paese, già colpito da alluvioni, sta affrontando giorni difficili a causa delle ripercussioni del terremoto.

Nel frattempo, alcune scuole sono rimaste aperte a Forlì, Ravenna e Faenza, mentre nel pomeriggio è prevista la visita del presidente della Repubblica Sergio Mattarella per l’inaugurazione dell’anno scolastico in una zona colpita dall’alluvione. La situazione è in costante monitoraggio, e le autorità raccomandano la massima attenzione a causa della probabilità di ulteriori scosse di assestamento.

Il sindaco di Marradi, Tommaso Triberti, ha deciso di chiudere le scuole in via precauzionale, e la popolazione si è riversata in strada a causa dello spavento provocato dal terremoto. La Sala di Protezione Civile della Città Metropolitana di Firenze ha attivato il Centro Operativo Comunale, ma al momento non sono stati segnalati danni a persone o beni.

La Protezione Civile ha avviato verifiche sui possibili danni provocati dal terremoto, e molte persone hanno chiamato il numero di emergenza 112 per chiedere informazioni. Al momento, le autorità hanno ricevuto solo una richiesta di intervento per una verifica in una struttura Rsa con esito negativo. Resta alta l’attenzione sulla situazione, poiché si registrano ancora scosse di assestamento e la popolazione è invitata a prestare massima cautela.

Continua a leggere su ProgrammazioneTv.com


Ecco tutte le novità e le nuove programmazioni di Pluto Tv previste per luglio 2024